Lascia il tuo indirizzo e-mail e scarica il documento

Pubblicato 1 mese fa

Verdure a foglia verde: ecco quali sono

Home - idee cucina

Quali-verdure-mangiare-in-allattamento

Seguire un’alimentazione corretta, ricca di tutti i nutrienti necessari per il nostro organismo, è la chiave giusta per vivere bene.

Mangiare al meglio è più semplice di ciò che si pensa: è sufficiente inserire (soprattutto) nei propri pasti principali una significativa quantità di verdure che, come è noto, sono leggere e sazianti, oltre che ricche di fibre e vitamine – due elementi fondamentali per il nostro corpo.

Le varietà di verdura sono tantissime, ma non ne esiste una migliore rispetto a un’altra. Ogni verdura ha le sue proprietà nutrizionali e i propri benefici in base alla tipologia e, spesso, anche al colore. Il primo colore che viene in mente pensando alla verdura è il verde. Esistono, infatti, numerose verdure a foglia verde (non a caso il termine “verdura” pare derivi proprio dal colore verde dell’alimento) e sono ricche innanzitutto di clorofilla, un potente antiossidante, utile anche nella formazione dell’emoglobina; di vitamina C, stimolante del sistema immunitario e coadiuvante nell’assorbimento del ferro; e di acido folico, utile per proteggere l’apparato cardiovascolare e importantissimo in gravidanza.

Ma quali sono le verdure a foglia verde? Vediamolo nel dettaglio!

Verdure a foglia verde: tipologie 

Fanno parte della categoria delle verdure a foglia verde tutte le erbe, le piante, gli ortaggi e, in generale, le verdure che possiedono determinate caratteristiche, come quella di avere foglie e steli edibili dal colore verde.

Nel dettaglio, le verdure a foglia verde possono distinguersi in due macro-categorie: le verdure a foglia larga e quelle a foglia stretta.

Le verdure verdi a foglia larga, come la lattuga, si distinguono da tutte le altre per la considerevole dimensione delle loro foglie. Contengono vitamina A, vitamina C, minerali, fosforo e calcio oltre a essere ricche d’acqua, che permette di depurare l’organismo e diminuire il gonfiore addominale. La loro alta digeribilità le rende perfette anche per chi ha difficoltà a sopportare le verdure e il basso apporto calorico giustifica la loro presenza nella maggior parte delle diete.

Allo stesso modo, le verdure verdi a foglia stretta, come la rucola, si riconoscono per la forma affusolata e delicata della foglia. La maggior parte di esse è ricca di ferro e aiuta l’organismo a trovare la giusta energia per affrontare la giornata. Anche in questo caso, la digeribilità resta alta e l’apporto calorico resta basso. 

Verdure a foglia verde: quali sono 

Le verdure a foglia verde più conosciute e consumate sono probabilmente gli spinaci. Ottima fonte di vitamina A, C e K, ma anche acido folico, possiedono un bassissimo apporto calorico, oltre ad essere molto ricchi di fibre alimentari, utili a promuovere la regolarità intestinale e anche la pressione sanguigna. Troviamo poi la bietola, anche nota col nome di ‘erbette’, che è povera di calorie, ma ricca di ferro, potassio, vitamine A e C, antiossidanti e fibre, è molto digeribile, ha proprietà diuretiche e aiuta a ritrovare la regolarità intestinale. 

La cicoria è ancora meno calorica della bietola e ha proprietà disinfettanti e disintossicanti, oltre a vantare la capacità di stimolare la concentrazione e di combattere la sonnolenza e favorire il funzionamento di reni e cistifellea. Il cavolo verza ha diverse proprietà benefiche: contiene lipidi e proteine ed è molto ricco di vitamina A, vitamina C, vitamina K. Possiede anche un elevato contenuto di minerali come potassio, fosforo, ferro, calcio, zolfo. Le cime di rapa possono essere mangiate sia cotte che crude e offrono un apporto significativo di vitamina C e K. Poi ci sono i broccoli, ricchi di vitamina A, importante per la vista e per la pelle, ma anche per i polmoni; la vitamina C e la vitamina K, che favorisce la coagulazione del sangue. In più, i broccoli contengono calcio facilmente assimilabile dall’organismo nonché la betaina, una sostanza alleata della salute del fegato. Sempre della famiglia delle crucifere, insieme ai broccoli troviamo il crescione, che non è solo il nome di un piatto tipico dell’Emilia Romagna. Anche il crescione contiene buone quantità di antiossidanti, oltre ad alti livelli di fibre e vitamine A, K e C e una sostanziale presenza di calcio. Ciò, che lo differenzia dalle altre verdure elencate è la presenza di diversi fitonutrienti.

Delle verdure a foglia verde dalle proprietà molto simili a quelle dei broccoli e degli spinaci sono i cavoletti di Bruxelles, ricchi anche di kaempferol, un antiossidante che può essere particolarmente efficace nel prevenire danni alle cellule

Ultimo (ma solo del nostro elenco) è il Tarassaco, un’erba spontanea (e officinale) molto comune. Ideale per il suo alto contenuto di vitamina A, il tarassaco è anche considerato un ottimo diuretico naturale, buono per stimolare la diuresi.

category image

Contorni freschi

Lattughino

category image

Contorni freschi

Misticanza

category image

Contorni freschi

Radicchietto

category image

Contorni freschi

Rucola

category image

Contorni freschi

Spinacino

Back folder page

Torna alle idee di cucina