Lascia il tuo indirizzo e-mail e scarica il documento

Pubblicato 1 mese fa

Come conservare le verdure per l'inverno: qualche consiglio

Home - idee cucina

Com’è noto, fra gli alimenti che non devono mancare in ogni pasto ci sono sicuramente le verdure. Ricche di fibre e vitamine, sono considerate dei nutrienti essenziali dell'alimentazione, nonché pasto fondamentale di ogni dieta perché leggere, poco caloriche e povere di grassi.

In natura esiste una grande varietà di verdure. Alcune di esse, però, si possono trovare solo in estate o in primavera. Dunque, per poterle avere anche in inverno, bisogna ricorrere a dei metodi di conservazione. Le tecniche per conservare le verdure per l'inverno sono diverse; tra i metodi più utilizzati troviamo l’essiccazione, il sotto sale, il sottolio, il sottaceto o il congelamento.

Ma come conservare le verdure per l'inverno? Vediamo di seguito nel dettaglio qualche tecnica!

Come conservare le verdure per l'inverno: il congelamento.

Congelare le verdure è forse il metodo domestico migliore (nonché il più utilizzato) per salvaguardare i livelli di vitamine, minerali e antiossidanti in esse contenuti. Si tratta di una pratica molto utile e spesso anche veloce, che, con qualche accorgimento e un po’ di pazienza, ci consente di conservare le verdure anche quando vogliamo farne scorta o quando non sono più di stagione. La prima cosa a cui prestare attenzione è la temperatura del congelatore: più è bassa, maggiore sarà la durata delle verdure che, se congelate e tenute a -18°C o meno, possono durare anche fino a 6 mesi.

Un’altra cosa importante è che le verdure che intendiamo congelare siano fresche. È importante, poi, lavare (e asciugare) accuratamente le verdure e mondarle prima di congelarle, avendo cura di eliminare le parti non edibili, le eventuali ammaccature e le aree scolorite o rovinate e, per facilitarne il congelamento, tagliarle a pezzi regolari e riporle in contenitori o sacchetti da chiudere ermeticamente.

È possibile congelare quasi tutte le verdure, prestando attenzione alla preparazione: alcune è meglio scottarle prima di congelarle, altre invece si possono congelare direttamente da crude, ma bisogna stare attenti a NON congelare l’insalata, di qualsiasi tipo, né cruda, né cotta perché il sapore cambia e, a causa dell’elevata quantità di acqua in essa contenuta, riposta in freezer si rovinerebbe completamente. Stesso discorso per i cetrioli e i ravanelli. 

Come conservare le verdure per l'inverno: sottolio.

Per questo metodo di conservazione, ci sono addirittura delle linee guida dettate direttamente dal Ministero della Salute. Secondo le linee guida, dopo aver selezionato, lavato ed eventualmente tagliato le verdure, queste devono poi essere sbollentate per qualche minuto in una soluzione di acqua e aceto in parti uguali. La cottura delle verdure è importante: devono risultare “al dente” altrimenti durante le fasi di conservazione perderanno completamente consistenza. Una volta terminata la cottura, le verdure devono essere scolate grossolanamente e lasciate ra­ffreddare e asciugare su un panno asciutto e pulito prima di essere inserite nel contenitore facendo attenzione a colmare tutti gli spazi vuoti e a non schiacciarle troppo. Successivamente, bisogna ricoprire completamente le verdure con l’olio cercando di togliere l’eventuale aria ancora rimasta intrappolata nell’alimento e procedere con la pastorizzazione. Con le conserve sottolio bisogna prestare attenzione a eventuali segni di alterazione come bollicine di aria che dal fondo salgono verso il tappo, oppure se l’olio dovesse diventare opalescente è segno che la conserva si sta alterando e potrebbe non essere idonea al consumo.

Le verdure che si possono conservare sottolio sono: zucchine, peperoni, melanzane e pomodori.

Come conservare le verdure per l'inverno: essiccazione.

Mediante l’essiccazione si riduce la quantità d'acqua nelle verdure, rallentando il lavoro degli enzimi. È un modo molto valido economico per conservare le verdure. Le verdure possono essere essiccate con degli essiccatori specifici oppure in forno. L’essiccazione in forno è semplice da realizzare: la temperatura deve essere tra i 40° e i 60° in modalità ventilata. Per la verdura i tempi di essiccazione rispetto a quelli dell’essiccatore sono un po’ più lunghi, quasi il doppio della durata. Per questo, è consigliabile tagliare gli alimenti il più finemente possibile.

Come conservare le verdure per l'inverno: sotto sale.

Mettendo le verdure sotto sale l'acqua viene assorbita dalle verdure tanto da permetterne una conservazione ottimale. Per conservare le verdure con questo metodo bisogna lavarle e tagliarle per poi ricoprirne la superficie con del sale grosso disporle al sole su una superficie pulita (meglio a griglia).

Dopo un giorno, è necessario girare le fette per esporre al sole anche l’altro lato, ricoprendo con il sale anche questa parte. Di notte portarle dentro casa e la mattina rimetterle al sole, ripetendo l’operazione per circa 5-8 gg. Se si vive in luoghi molto umidi è consigliabile l’aiuto del forno, in cui inserire le verdure per 12 ore a 60 gradi.  

Una volta essiccate, riporre le verdure, pressandole, in contenitori sterilizzati intervallando strati di verdure e sale, facendo sempre massima attenzione alle muffe controllando una per una ogni fetta!

category image

Contorni freschi

Lattughino

category image

Contorni freschi

Misticanza

category image

Contorni freschi

Radicchietto

category image

Contorni freschi

Rucola

category image

Contorni freschi

Spinacino

category image

Contorni freschi

Valerianella

Back folder page

Torna alle idee di cucina