Lascia il tuo indirizzo e-mail e scarica il documento

Pubblicato 14 giorni fa

Verdure con vitamina D: quali sono e quali considerare

Home - idee cucina

verdure-vitamina-d

La vitamina D è un gruppo di pro-ormoni liposolubili, in realtà non una singola vitamina.

Le due forme più importanti sono la vitamina D2 (ergocalciferolo) e la vitamina D3 (colecalciferolo), le cui funzioni principali sono: regolare il metabolismo del calcio e del fosforo - fondamentale per la salute delle ossa e dei denti; favorire l’assorbimento del calcio dall'intestino e la sua deposizione nelle ossa; modulare il sistema immunitario; aiutare a combattere le infezioni e le malattie autoimmuni; svolgere un ruolo in altre importanti funzioni - salute cardiovascolare, funzione muscolare, controllo della glicemia e salute mentale. Uno dei modi naturali per ottenere l’approvvigionamento di tale vitamina è l’esposizione al sole - ovviamente evitando le scottature - ma in generale quello è il veicolo principale per fare scorte di vitamina D. Più complicato, ma non di certo impossibile invece, è l’ottenimento di tale componente attraverso la dieta e il consumo di determinati alimenti - a partire dalle verdure. Per questo andiamo ad analizzare quali sono quelle consigliate e che ne contengono di più.

Le verdure che contengono vitamina D: dai funghi a quelle a foglia verde

A differenza di quanto accade con la maggior parte dei nutrienti di cui le verdure sono piene, questo genere di alimenti contengono poca vitamina D per diversi motivi: perché viene prodotta principalmente nella pelle umana quando viene esposta ai raggi ultravioletti B (UVB) del sole e le verdure non hanno la capacità di sintetizzare la vitamina D in questo modo; alcune verdure inoltre contengono precursori di vitamina D, come il 7-deidrocolesterolo, che può essere convertito in vitamina D con l'esposizione alla luce UV - tuttavia, la quantità di questi precursori è generalmente bassa e varia a seconda del tipo di verdura e delle condizioni di crescita. Bisogna poi considerare che anche se una verdura contiene precursori di vitamina D, la conversione in vitamina D attiva richiede l'esposizione alla luce UV. La maggior parte delle verdure non viene esposta alla luce solare in modo sufficiente per consentire una conversione significativa. Infine, la vitamina D è sensibile al calore, alla luce e all’ossidazione: questi fattori possono degradare la sua presenza nelle verdure, soprattutto durante la cottura, la conservazione e la lavorazione. In definitiva quindi, poche verdure contengono la vitamina D in modo naturale e le principali fonti vegetali di questa vitamina sono: 

  • Funghi: esposti alla luce solare sono la fonte vegetale più ricca di vitamina D. In particolare, i funghi finferli, maitake e spugnole ne contengono quantità significative. La quantità di vitamina D nei funghi può variare molto a seconda del tipo di fungo, dell'esposizione alla luce solare durante la crescita e del metodo di conservazione; 
  • Verdure a foglia verde: bietole, cicoria, cavolo nero e broccoli contengono piccole quantità di vitamina D2. È importante sottolineare che la quantità di vitamina D in queste verdure, come sottolineato in precedenza per i funghi, può variare molto a seconda dell'esposizione alla luce solare durante la crescita.

Vitamina D: come cucinare i cibi per evitare di disperderla

Per preservare la vitamina D durante la cottura dei cibi, basta seguire alcuni semplici consigli, a partire dai metodi di cottura: bisogna prediligere cotture rapide e a basse temperature, come quella a vapore, al microonde, il sottovuoto e la bollitura breve che sono metodi delicati che riducono al minimo la perdita di vitamina D. Meglio evitare la frittura e la cottura prolungata: queste tecniche ad alta temperatura possono degradare la vitamina D e in generale bisogna usare poca acqua - cuocere le verdure in poca acqua o brodo aiuta a trattenere i nutrienti, inclusa la vitamina D.

Come altri consigli utili poi si può sicuramente aggiungere gli alimenti ricchi di vitamina D verso la fine della cottura: questo li espone a un minor tempo di calore e in generale tenendo conto di non cuocere troppo gli alimenti, ma farlo soltanto fino a quando non sono appena teneri in modo da aiutare a preservare i nutrienti. Conviene poi usare i liquidi di cottura: i brodi e i sughi ottenuti dalla cottura di cibi ricchi di vitamina D possono essere utilizzati in salse, zuppe e altri piatti, senza dimenticare di conservare correttamente gli alimenti in frigorifero o congelatore - altro metodo che aiuta a prevenire la degradazione della vitamina D.

category image

Contorni freschi

Lattughino

category image

Contorni freschi

Misticanza

category image

Contorni freschi

Radicchietto

category image

Contorni freschi

Rucola

Back folder page

Torna alle idee di cucina