Lascia il tuo indirizzo e-mail e scarica il documento

Pubblicato 5 mesi fa

Cosa è il radicchio tardivo e come prepararlo al forno o in padella

Home - idee cucina

radicchio-tardivo-significato

La varietà più nota di radicchio, sebbene non si identifichi sempre con il suo nome completo, è il radicchio rosso di Treviso Tardivo IGP, conosciuto anche con il nome di “Spadone”: una buona porzione di radice e un cespo a foglie dal colore rosso-violaceo intenso, lunghe e regolari, croccanti e dal sapore amarognolo.

Apparso in Italia intorno al XVI secolo in provincia di Treviso, era considerato un alimento povero che si è poi affermato come ortaggio pregiato in virtù del complesso processo di coltivazione e lavorazione. Oggi può essere coltivato e prodotto esclusivamente nelle provincie di Treviso, Padova e Venezia e viene raccolto generalmente a partire dal 20 ottobre.

Il radicchio rosso di Treviso Tardivo IGP è particolarmente resistente al freddo, e si raccoglie in pieno inverno solo dopo che le piante hanno subito due brinate.

Da qui il vecchio detto popolare secondo cui il radicchio tardivo di Treviso è il dono che l’autunno fa all’inverno per rallegrare i campi ormai grigi e incupiti dalla stagione fredda attraverso i suoi colori.

Dopo essere stato raccolto, il radicchio tardivo viene legato in mazzetti e posto per tutta la durata della fase di imbiancamento (dai 15 ai 20 giorni) con la radice in acqua di risorgiva a una temperatura compresa tra i 12° e i 15°. 

Una volta pronto, si presenta nella tipica forma lanceolata, con germogli regolari e compatti che tendono a chiudersi all’apice. Il lembo fogliare, come detto, si presenta di colore rosso intenso con una nervatura principale di colore bianco ed è unico nel sapore con il suo gusto gradevolmente amarognolo e croccante.

Come preparare il radicchio tardivo al forno

Il radicchio al forno è una ricetta molto semplice e veloce da realizzare, adatta anche a chi ha poco tempo per cucinare. È un ottimo contorno per i secondi piatti sia di carne che di pesce, oltre ad essere un piatto economico. Per prepararlo non vi servirà altro che del radicchio, olio e sale (e anche del pepe, se lo gradite).

Iniziate mondando il radicchio, lavatelo e asciugatelo con un panno. Tagliatelo in quarti nel senso della lunghezza e disponeteli in una teglia rivestita di carta forno, senza sovrapporli. Cospargete poi con olio extravergine di oliva, sale e pepe a piacere.

Cuocete il radicchio in forno già caldo a 180° per circa 15 minuti, girandolo più volte. Sfornate e servite il radicchio al forno irrorandolo con un filo di olio extravergine.

Per una variante un po’ più golosa di radicchio al forno potete provare a impanarlo.

Tagliate il radicchio a fette spesse circa un centimetro e, dopo averle lasciate nell’acqua fredda per circa 30 minuti, asciugatele e riponetele in una teglia con un filo d’olio. Preparate una panatura mescolando pangrattato, formaggio grattugiato, sale e pepe a piacere e distribuitela poi sul radicchio con un cucchiaio. Aggiungete della pancetta dolce a cubetti e cuocete in forno a 190°C per 20-25 minuti. A questo punto sistemate delle fettine di asiago sul radicchio e fate cuocere per altri cinque minuti, in modo che il formaggio si sciolga. Impiattate e servite!

Come preparare il radicchio tardivo in padella

Anche preparare il radicchio in padella è piuttosto facile e veloce. Iniziate sempre lavandolo e tagliandolo a fettine oppure staccate le foglie e tagliatele a listarelle. Mettete il radicchio a bagno in abbondante acqua con un cucchiaio di aceto di vino e succo di limone e lasciatelo in ammollo per circa 30 minuti. Trascorsi i 30 minuti scolate il radicchio, asciugatelo e cuocetelo in padella per 5 minuti a fuoco alto con un filo d’olio, uno spicchio d’aglio e sale e pepe a piacere.

category image

Contorni freschi

Radicchietto

category image

Contorni freschi

Radicchio variegato

category image

Contorni freschi

Radicchio rosso

category image

I.G.P.

RADICCHIO VARIEGATO DI CASTELFRANCO I.G.P.

Back folder page

Torna alle idee di cucina