Lascia il tuo indirizzo e-mail e scarica il documento

Pubblicato 21 giorni fa

Sformato di carciofi: ricetta, ingredienti e preparazione

Home - idee cucina

sformato-di-carciofi

Se vi state chiedendo da dove nasce nella cucina italiana lo sformato di carciofi e quali sono stati i primi “inventori” di un piatto diventato poi così conosciuto, la risposta può trovare risposte diverse in base alla regione alla quale decidiate di rivolgervi.

In Campania ad esempio, la ricetta dello sformato di carciofi vanta una lunga tradizione, in particolare nella zona di Napoli: si pensa che le sue origini risalgano al Medioevo, quando i carciofi, già ampiamente coltivati in Campania, erano un ingrediente prelibato nelle tavole nobiliari. La ricetta dello sformato si sarebbe poi diffusa tra la gente comune, diventando un piatto tipico della cucina regionale e poi nazionale. Anche in Sicilia lo sformato di carciofi ha una forte tradizione culinaria: la sua preparazione varia leggermente da zona a zona, ma in generale si utilizzano carciofi locali, spesso di varietà "cardone", e un condimento a base di pangrattato, pecorino grattugiato, prezzemolo e aglio.

La cottura avviene in forno, ottenendo un risultato dorato e saporito. Terza variante, quella toscana: lì lo sformato di carciofi è conosciuto come "sformato di carciofi alla fiorentina” e la sua ricetta tipica prevede l'utilizzo di carciofi maremmani, besciamella, uova, parmigiano grattugiato e noce moscata. La cottura avviene in forno a bagnomaria, conferendo allo sformato una consistenza morbida e cremosa. Ora invece vi proponiamo la nostra ricetta, poi fateci sapere cosa ne pensate!

Sformato di carciofi: gli ingredienti e i vari passaggi della preparazione

Uno dei punti di forza del piatto è che la preparazione non è complessa e il risultato è davvero delizioso, per questo vogliamo proporvi una ricetta semplice da seguire in cui gli ingredienti principali sono: sei carciofi, due patate, un uovo, 50 grammi di parmigiano reggiano grattugiato, 50 grammi di pangrattato, uno spicchio d’aglio, vino bianco (facoltativo), olio extravergine d’oliva, sale e pepe, prezzemolo fresco tritato (facoltativo). Le fasi di preparazione partono dal pulire i carciofi, eliminando le foglie esterne dure e il gambo, per poi tagliare i carciofi a metà e privarli della parte interna spinosa. Immergere poi i carciofi in acqua acidulata con il succo di un limone per evitare che anneriscano, prima di passare alla cottura: in una padella bisogna scaldare un filo d'olio con uno spicchio d'aglio schiacciato, aggiungendo i carciofi e sfumando con un goccio di vino bianco (a piacere) per poi cuocere per circa 15 minuti a fuoco dolce, coprendo con un coperchio e aggiungendo poca acqua se necessario. L’obiettivo è uno soltanto: i carciofi devono risultare teneri. 

Si passa poi a lessare le patate in acqua bollente salata fino a cottura, scolando poi i carciofi e le patate lasciandoli intiepidire. Bisogna poi schiacciare le patate e i carciofi in una ciotola, aggiungere l'uovo, il parmigiano grattugiato, il pangrattato, un pizzico di sale e pepe. Mescolare bene fino a ottenere un composto omogeneo e mettersi all’opera per preparare il composto: imburrare e “imbiancare il tutto” con il pangrattato nella parte alta della pirofila, versare infine il composto di carciofi e patate livellando la superficie. Spolverizzare con altro pangrattato e un filo d’olio e poi cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 30-40 minuti, o fino a doratura. Sfornare lo sformato di carciofi e lasciarlo intiepidire leggermente prima di servirlo, guarnendo con prezzemolo fresco tritato nel caso in cui fosse di vostro gradimento.

Sformato di carciofi: consigli utili e alcune varianti da sperimentare

Aggiungiamo anche un paio di indicazioni utili per ottenere un piatto ancora più gustoso: per avere un sapore più intenso infatti, potete aggiungere al composto un cucchiaio di capperi tritati o di olive nere snocciolate e tritate. Mentre se preferite un gusto più delicato, potete grattugiare un po' di noce moscata sul composto. Lo sformato di carciofi può essere preparato in anticipo e riscaldato in forno prima di servirlo: è un piatto ottimo da gustare sia caldo che freddo, potendo scegliere quale sia la consistenza che preferite. Queste invece sono alcune possibili varianti:

  • Sformato di carciofi e ricotta: aggiungere 200 g di ricotta al composto per un risultato più cremoso;
  • Sformato di carciofi e provola: aggiungere 100 g di provola tagliata a cubetti al composto per un gusto più filante; 
  • Sformato di carciofi e pancetta: rosolare 100 g di pancetta a cubetti in padella e aggiungerla al composto per un tocco di sapidità.

category image

Contorni freschi

Lattughino

category image

Contorni freschi

Misticanza

category image

Contorni freschi

Radicchietto

category image

Piatti unici

Zuppa di carciofi

Back folder page

Torna alle idee di cucina